"Il corpo non sbaglia", il nuovo romanzo di Lidia Castellani - vincitore del Premio Nazionale “Vitaliano Brancati”

lidia castellani'Il corpo non sbaglia' è un romanzo di denuncia sulla violenza contro le donne con l'indicazione di un riscatto sempre possibile. Una sorta di antidoto letterario contro il virus degli amori infelici e la paura della solitudine che spesso porta le donne a sbattere contro il proprio dolore come mosche contro un vetro chiuso. “Soprattutto mi premeva porre l'accento sugli invisibili meccanismi psicologici che costituiscono l'anticamera di ogni violenza e che sono particolarmente pericolosi in un contesto sociale come il nostro che non li considera tali.”

Lidia Castellani

“A un certo punto mi sono accorta che un tratto comune a molte mie amiche è l’infelicità amorosa. Me ne sono accorta in maniera definitiva la mattina in cui una di loro mi ha sorriso dalle locandine dei giornali locali, dopo aver conquistato suo malgrado la notorietà cittadina per essere stata uccisa dal marito nel sonno. A lei ho dedicato questo libro.”

Lidia Castellani

www.salani.it/lidia_castellani

Leggi i commenti e le recensioni su questo libro
Lidia Castellani In viaggio su una gamba sola" di Herta Mullerha tradotto per Marsilio il libro "In viaggio su una gamba sola" di Herta Muller, premio nobel per la letteratura 2009.

















mamma senza paracadute
Appena uscito, Mamma senza paracadute, ha vinto il premio della Free Lance International Press/Unesco per i Diritti Umani entrando nella classifica dei bestseller: “Per aver creato una nuova figura di madre, per la quale il figlio è una tappa fondamentale della propria crescita esistenziale. Per un uso moderno del linguaggio interiore, reso ancora più vivo da una chiara scrittura per immagini.” Neria dè Giovanni, Presidentessa Associazione internazionale critici letterari


Alessandra Casella, (attrice e giornalista culturale): “La Castellani mi ha dato le parole che cercavo per descrivere quello che succede con la maternità.”
Maria Rita Parsi, (psicoterapeuta e giornalista) “Questo romanzo è il paracadute di cui tutte le donne sentivano il bisogno.”
Angela Finocchiaro, (attrice) “Leggendolo mi sono divertita e commossa allo stesso tempo.”
Monica Ruffato, (antropologa) “Dire ‘complimenti mi è piaciuto il libro,’ è poco. Ha colto ciò che stavo vivendo, le domande, le inquietudini, i tentativi di risposta. Particolare: in cinque righe ha descritto il parto come nessuno è mai riuscito. Brava!”
Vittorio Introcaso, (giornalista) “Un libro che dovrebbero leggere tutti gli uomini!”